La Pelle e la Traccia

 

La pelle e la Traccia di Jessica  Anna Faraone

Questo nuovo format sul tatuaggio vuol dar voce viva a tutto ciò che concerne gli aspetti più intimi legati alla sfera antropologica e psicologica; nello specifico su quello che è di per sé  un ‘rito’. Nel corso delle puntate si toccheranno gli aspetti nascosti, oggi quasi totalmente scomparsi, di quest’arte che è stata la prima forma di linguaggio primitiva dell’uomo; un mezzo che ha permesso l’espressione, la “cura” (tatuaggio medicale) e che continua ad essere “terapia” simbolica di rielaborazione di emozioni fissate in simbilo/segno. Tatuaggio è memorandum.
Tatuaggio si fa per ‘Arte’ così come la concepiva Constantin Brancusi: “si è fatta l’arte per dominare, per piangere, per pregare. Noi la stiamo facendo per vivere”.

“La Pelle e la Traccia”

 

Jessica  Anna Faraone

Nasce a Milano classe 1985.
Frequenta il I liceo artistico statale di Brera e successivamente si iscrive all’accademia di Belle Arti con indirizzo scultura. Contemporaneamente la sua attenzione si sposta dalla sempre presente passione per il disegno al mondo del tatuaggio, ove vi entra come apprendista all’età di 16 per iniziarvi a 18 anni come professionista e continuarvi sino ad oggi.
Nel 2014 inizia a immergersi nella pittura e nel 2015 dà vita ad un sito internet personale che contiene il suo lavoro artistico concettuale dei pochi anni precedenti al suddetto , sviluppando due temi a lei cari esplicati rispettivamente in “Conflitto” e “Work horse” .
Continua tuttora la sua ricerca tangibile nel campo dell’arte: sperimentando diverse tecniche, interrogandosi su temi diversi da affrontare; e parallelamente porta avanti la sua affinazione tecnica e la continua ricerca di stile, nell’arte ancestrale del tatuaggio.