“Portfolio” storie di moto

un programma di Ezio Cavazzini

Capita, a volte, che un motociclista che ama passare il suo tempo tra curve, tornanti, cordoli, chilometri di sabbia e nottate in tenda, stravolga le proprie abitudini e decida di partecipare ad un Format televisivo.
E così, nasce “Portfolio” storie di moto e non solo. Un viaggio nella nostra penisola per conoscere questa strana e meravigliosa gente.
Il nostro Ezio, con passione e devozione girerà in sella alla sua moto, in lungo e in largo, incontrando persone e storie, raccogliendo testimonianze o semplicemente emozioni.

Da settembre la seconda stagione con Ermanno Alboreto

Portfolio – Storie di Moto. “Speciale Milano – Taranto 2019”

Dal 1987, le moto d’epoca si danno appuntamento a luglio per questa straordinaria corsa a tappe che attraversa i luoghi più belli d’Italia. Scaldiamo i motori delle nostre due ruote e prepariamoci a gustare il sapore dell’avventura.

Ogni chilometro, ogni curva e ogni paesaggio ci fanno tornare alla mente lo spirito di avventura e il sapore del viaggio delle gare motoristiche che si svolgevano sulle strade comunemente aperte al traffico, trasmettendo passione a tutti: partecipanti, staff e tutti gli amanti delle due ruote che, ogni anno, aspettano lungo il percorso il nostro passaggio.

Alla Milano-Taranto si creano amicizie che durano nel tempo: ogni anno ci si ritrova a Milano per condividere la scoperta di un’Italia riservata a pochi e l’amore per le due ruote a motore con un solo ed unico scopo… il divertimento e la soddisfazione di arrivare a Taranto in sella alla propria moto!

 

 

Da Milano a Taranto in sidecar con mamma di 87 anni, 1800 chilometri in 6 giorni, sotto il sole cocente o pioggia torrenziale.

E questa è gia la terza volta… perchè?

Per vedere gli occhi di mia mamma, che brillano di gioia, felicità, commozione, vita, per sentirmi “accanto” a lei come poche altre volte e per condividere queste emozioni con mio fratello Fulvio, mia figlia Silvia, mio nipote Marcello.

Tutto comincio 15 anni fa  quando trovai un rudere di Mas, la moto che costruiva e progettava il nonno Domingo, e dopo averla restaurata decisi 

di partecipare a questa riedizione della Mita competitiva, gara in cui anche il nonno negli anni ’30 partecipava.

Quando nel 2016, finalmente, io e Fulvio riuscimmo a tagliare il traguardo sotto gli occhi di mamma, la prima cosa che ci disse

fu: l’anno prossimo vengo anch’io.

Così nel 2017 portammo ben 3 Mas sotto lo striscione di Taranto, Silvia con il 175, Fulvio con il 350, ed io con mamma con il 175 sidecar.

Ma non fu sufficiente: guardate che io fino a 90 anni la voglio farla…

Frase più bella di mia mamma: grossi nuvoloni neri all’orrizzonte promettono valanghe d’acqua, così le chiedo se vuole andare sul pulmino dell’organizzazione, risposta: mio papà era fortissimo sotto la pioggia, posso prenderla anche io

Ezio Cavazzini