2Nove9

Siamo dei motociclisti che hanno fondato un’associazione in grado di prendersi cura gratuitamente delle vittime di incidenti e delle loro famiglie, siano essi bambini o adulti ed a prescindere dai mezzi di locomozione utilizzati. Proteggiamo in maniera completa attraverso assistenze legali, psicologiche, protesiche e mediche polispecialistiche, aiutando infine nel reinserimento verso la quotidianità mediante numerosi canali, come ad esempio quello sportivo. Ci occupiamo di prevenzione ed educazione stradale in ogni sua forma per arrivare a dare consapevolezza a tutti gli utenti della strada. Svolgiamo inoltre numerose attività per la messa in sicurezza dei tratti stradali più pericolosi, cosa che ci ha permesso di salvare decine di vite nel corso degli anni.

 

Verde 2 Nove 9

 

 

Gli Speciali di 2 Nove 9

 “Inseguendo il Vento”.
“Una squadra di Avengers così non l’avevo mai vista…” 
Ecco a voi la squadra che oggi ha provato l’esperienza del volo grazie ad aerogravity e obiettivovolare
Questi ragazzi con disabilità fisiche quasi tutte derivanti da incidenti stradali hanno sfidato il proprio limite, regalandosi e regalandoci un’emozione unica. Questo percorso é parte del nostro progetto sestapiena che assiste in ogni forma, compreso il reinserimento nel tessuto sociale attraverso il canale sportivo, tutte le persone con disabilità, che in Italia per la maggior parte sono innanzitutto vittime di incidenti stradali.
Massimo Albanese, Alessandro Alberti, Matteo Baraldi, Erika Novarria, Roberto Cancedda, Karma on the Road, Gabriele Pattini, Easyriders Onlus, Letizia Colombo, Simona Neotti, Paolo Carniello.

 

Abbiamo cercato di trasmettere un po’ di vita, quella vita recepita attraverso i contributi che queste persone hanno realizzato solo per noi e che ci hanno fatto pervenire. Far vedere cosa c’è dall’altra parte, fuori dalle mura in cui siamo costretti a vivere da quasi due mesi. Sono persone come noi, ognuna con le proprie paure, che fanno ciò che semplicemente devono fare: la loro parte… anche noi dovremmo fare semplicemente la nostra parte, a prescindere da un’idea politica o da una convinzione. Jambo ha visionato parecchie foto e video che i ragazzi ci hanno inoltrato… per ovvi motivi non è stato possibile montare tutto il materiale, anzi… prima della diffusione del video dovrà essere modificato ancora qualche piccolo dettaglio, perchè la loro voglia di esserci e la nostra capacità di comprendere non determinino problemi a queste persone.. dovremmo necessariamente contestualizzare quando è stata scattata quella foto o realizzata quella porzione di video. Ciò che importa è che sappiano che abbiamo fatto del nostro meglio per supportarli ed aiutarli… ma soprattutto che una parte d’Italia non si dimenticherà di loro perchè noi non li abbiamo lasciati mai soli. Voglio ringraziare Elisabetta Franceschini per questo regalo, perchè questo video diventasse realtà. Grazie anche a Jambo che ha capito perfettamente ciò che doveva essere.. nel bene o nel male, nessuno deve dimenticarsi quello che stiamo vivendo e, per quanto mi riguarda, spero di vedere presto dal vivo i vostri sorrisi… le chiacchere, una birra ed il cibo non hanno lo stesso sapore dietro ad uno schermo.

Il significato del nome “curioso” è racchiuso nella velocità massima raggiunta dalla Kawasaki Zx10 con
limitatore inserito (ovvero 299km/h) e la parte interna di un disco-freno: saper andare in moto non vuol dire andare
sempre forte, ma anche rallentare in egual misura per un suo uso responsabile.
Passione e divertimento ma con testa.

Le parole “bikers care” indicano il fulcro dell’associazione, ovvero il motociclista come figura di cui prendersi cura.
Nonostante questo, l’associazione che abbiamo creato Assiste tutte le tipologie di vittime, dagli automobilisti ai
motociclisti, dai pedoni ai ciclisti, offrendo assistenza legale, medica medico–legale e psicologica in maniera
completamente gratuita.

I servizi sono prestati dai migliori professionisti del settore che, mossi da spirito di
dedizione e altruismo, svolgono il proprio lavoro da oltre 25 anni con discrezione e rapidità, garantendo eccellenti
risultati e rispettando soprattutto le persone coinvolte in traumi gravi.
Siamo inoltre la prima associazione vittime incidenti stradali in Italia a fornire assistenza protesica specializzata.
Essendo una no profit, lo ribadiamo, non vengono chieste percentuali di indennizzo ricevuto dalle vittime e dai
familiari che si affidano a noi, né percentuali vengono richieste dai professionisti
che collaborano con la nostra struttura.

Le attività di assistenza e di prevenzione vengono finanziati esclusivamente attraverso contributi volontari
(tracciabili) di aziende o semplici cittadini sensibili alle diverse tematiche che affrontiamo quotidianamente per
preservare il cittadino sulle strade.
A 2NOVE9 bikers care si possono associare sia le famiglie colpite da un dramma sia i singoli cittadini che vogliono,
attraverso il nostro aiuto, accendere un riflettore sui pericoli presenti nelle nostre strade affinchè vengano
definitivamente risolti. 

Dona il tuo 5 x 1000 a 2 Nove 9

 

Prevenzione ed assistenza rendono la strada un luogo più sicuro: ogni anno quasi 3400 persone perdono la vita sulle nostre strade ed oltre 219.000 riportano gravi lesioni.
Come useremo il tuo 5×1000?
Anche grazie al tuo 5×1000 continueremo ad aiutare le vittime di incidenti stradali attraverso soluzioni di mobilità, soluzioni sportive e supporti gratuiti alle loro famiglie. Il tuo contributo verrà inoltre destinato alla realizzazione di attività di prevenzione e di educazione stradale per bambini e adulti, ad attività di supporto pratico per la sistemazione dei tratti stradali pericolosi.
Perchè affidare il tuo 5×1000 a 2NOVE9?
2NOVE9 eroga centinaia di servizi gratuiti ogni anno, di tipo legale, peritale, psicologico e materiale, migliorando le condizioni di vita di numerose famiglie in difficoltà. Tutti i progetti di prevenzione elaborati e realizzati da 2NOVE9 sono stati approvati anche a livello internazionale e sono oggi attuati in fase di sperimentazione dalle Forze dell’Ordine e dai soccorritori a livello locale in diverse regioni italiane, oltre che dai consolati di un numero sempre più crescente di stati esteri. Le attività di 2NOVE9 svolte fino ad oggi nel monitoraggio delle infrastrutture hanno portato, attraverso i propri volontari, alla messa in sicurezza di oltre 1000 km di strade o equivalenti, aiutando attraverso precise e documentate segnalazioni le autorità competenti nell’assicurare i responsabili della mancata manutenzione delle infrastrutture, e quindi della perdita di centinaia di vite umane, alla giustizia.
Ogni piccolo aiuto, quindi, può aiutarci a salvare una vita.