Moda – Fotografia – Design



Moda


Milano Fashion Week

Evviva Milano, evviva la settimana della moda che riparte (finalmente) all’insegna delle collezioni moda Autunno – Inverno 2022/23. 

67 sfilate (2 doppie sfilate), di cui 57 fisiche e 8 digitali, 69 presentazioni (59 fisiche e 10 digitali), 8 presentazioni su appuntamento e 9 eventi, per un totale di 169 momenti (fashion) da vivere. Numeri che diventano emozioni della e dalla Milano Fashion Week Women 2022. Ovvero la settimana della moda di Milano che ha appena aperto le sue porte alla Moda Donna Autunno Inverno 2022 2023. E noi, seguiamo in presa diretta tutto quello che succede, tutto quello che dovremmo scoprire & da cui lasciarci ispirare è in questa (sempre aggiornata) guida live dalla Milano Fashion Week Autunno Inverno 2022 2023.

Inclusione e diversità insieme a una moda etica e sostenibile sono i temi principali promossi dalla Fashion Week di Milano. Ci sono i negozi di quartiere che assumono nuove vesti in cui è possibile acquistare un etto di prosciutto circondate da borse e stivali con il tacco a spillo. C’è la capsule più inclusiva (e atomica) che desideriamo a partire da ORA, la borsa che vuole sbocciare di libertà e bellezza e noi insieme a lei. Ecco allora una selezione di brand e designer che con la loro creatività ci stanno regalando le nuove ispirazioni per la stagione che verrà. Piccola guida live dalla Milano Fashion Week con eventi e consigli alla scoperta del meglio delle collezioni moda Autunno Inverno 2022 2023.


Redazionali

guarda Milano Fashion Week


Rising Star


Quando leggiamo storie di modelle siamo abituati ai racconti fiabeschi delle star del set internazionale. Alla vita dorata delle varie top model che prestano il proprio volto e il proprio fisico per campagne di grandi brand di fama internazionale, a sfilate da mille e una notte e… a cachet da capogiro. Ma questa non è la vita delle migliaia di modelle che incontriamo in città. Il lavoro della modella e un lavoro difficile benché i non addetti ai lavori possano immaginare che iniziare una carriera da modella sia la più grande fortuna per una ragazza giovane e carina. Sono delle professioniste, come tante, con le loro regole e sogni.

guarda Rising Star


Trend


In bilico tra il fervore, del colore e dalla ricercatezza dei materiali, e il minimalismo, puro e geometrico: gli accessori moda della PE 2021 rappresentano tutte le contraddizioni del tempo che viviamo. Se da una parte cerchiamo lo slancio per la rinascita e ripresa, carico della gioia di vivere, dall’altra parte c’è la consapevolezza che l’unico rifugio è la stabilità di must have che non cedono alle mode fugaci. Rieducazione alla creatività e recupero dei valori, sono le due vie intraprese dagli stilisti per questa fashion week alquanto anomala. Tra le righe si legge la volontà di costruire uno stile personale, fatto di pezzi nuovi, d’archivio, interpretati o ri-editati utilizzando tecnologie, materiali sostenibili e/o naturali. Gli accessori, tra scarpe, borse, gioielli, si allontanano dal fa­sh­ionismo, conservando uno charme rilassato e consapevole (hard chic?!), mettendo così alla prova personalità e originalità. L’artigianato, mondo delicato, estetico, fatto di cose belle realizzate da mani esperte e di produzione unica, a volte tramandata di generazione in generazione. L’artigiano non è un lavoro qualunque, è un lavoro che si impara con esperienza e manualità. Il mondo cambia, è vero, ma la creatività non si è mai piegata a una società che spesso ci vuole tutti uguali, e continua oggi a far sognare e cercare una continua evoluzione.

guarda Trend


Haute Couture


L’alta moda o haute couture è il settore dell’abbigliamento nel quale operano i creatori di abiti di lusso. L’industria Couture nacque nel 1850 a Parigi dove i migliori stilisti organizzavano, per i loro clienti più esclusivi, delle piccole presentazioni nelle loro maison. Il primato di Parigi rimane per decenni indiscusso in Europa e nel mondo. Nel 1951 il marchese Giovanni Battista Giorgini, un brillante imprenditore, lancia l’alta moda italiana organizzando a Firenze, per la stampa, clienti dell’aristocrazia e buyers americani, le prime sfilate dei principali stilisti italiani come Schubert, Antonelli, Carosa, Ferdinandi, Simonetta, Fabiani, Mingolini-Gugenheim, Garnett, Giovannelli-Sciarra, Veneziani, Marucelli e le sorelle Fontana. L’esordio dell’alta moda italiana avviene il 12 febbraio 1951 nella abitazione privata di Giorgini, ma già dall’anno successivo viene utilizzata la Sala Bianca di Palazzo Pitti che sarà per anni la storica sede della moda italiana. In quella occasione Giorgini lanciò anche il diciottenne Roberto Capucci di cui nel 2019 Anna Fendi nel docu-film La moda proibita di Ottavio Rosati dirà: Roberto Capucci è il Dio della moda. L’ha fatta lui, l’ha inventata lui l’alta moda italiana. 

Il settore ruota attorno a varie case di moda, alcune delle quali assai antiche, conosciute grazie a marchi ben pubblicizzati presso il grande pubblico. L’Alta Moda ha per oggetto creazioni lussuose e straordinarie e su misura destinate a una clientela di lusso. I principali esponenti dell’Haute Couture in Europa sono Dior, Gucci, Chanel, Balenciaga, Saint Laurent, Givenchy, Armani, Capucci, Valentino, Vuitton e Furla che in modalità varie affiancano alle collezioni di Alta Moda una produzione di abiti confezionati in vendita in negozi di vari paesi. In ognuna di queste case lavorano grandi stilisti, disegnatori e addetti al marketing. Essi propongono le loro innovative creazioni per mezzo di sfilate di moda aperte alla stampa e ai compratori (buyers), con l’intento di anticipare le tendenze della moda. Alcune case d’alta moda sono proprietarie di marchi dedicati ai settori del prêt-à-porter e degli accessori.

guarda Haute Couture


Rita Fiorentino – Make Up Artist


Mi chiamo Rita Fiorentino sono una truccatrice da circa 20 anni, ho iniziato a Torino lavorando nel campo della musica e del teatro. Sbarco poi a Milano dove tuttora lavoro per la moda e la pubblicità, mi occupo di sfilate, editoriali e di moda, in particolare moda.
Ho capito che in questa professione per me è l’importante è creare sempre nuovi personaggi che mi affascinano e lavoro nella moda per poter trasmettere un immaginario, d’altronde per me i sogni fanno parte della vita. La mia carriera mi ha portato a lavorare con molti fotografi importanti come Toni Thorimbert, Toni Meneguzzo, Marino Parisotto, Stefania Papparelli, Lady Tarin. Tra i vari editoriali ci sono Amica, Elle, Gioia, Urban, Lampoon, L’Officiel.

guarda Visto e Copiato di Rita Fiorentino


Fotografia


I Grandi della Fotografia


Un Format pervaso di classicità e profondità. Una collana di applicazioni, novità assoluta nel campo dell’editoria fotografica internazionale. Venti autori che hanno segnato la storia della fotografia: da Henri Cartier-Bresson a Sebastião Salgado, da Gabriele Basilico a William Klein, da Man Ray a Walker Evans, da Robert Doisneau a Martin Parr, da August Sander a Peter Lindbergh, da Robert Mapplethorpe a Herb Ritts, da Margaret Bourke-White a Steve McCurry, da Robert Capa a James Nachtwey, da Elliott Erwitt a Helmut Newton, da Mario Giacomelli a Nobuyoshi Araki. Ricchezza di materiali presentati, interattività, percorsi, funzioni intertestuali e qualità della visualizzazione, consente un’esperienza senza precedenti nell’esplorazione dell’opera e della vita di alcuni grandi maestri.

guarda I Grandi della Fotografia