Viaggiare nel Magico Oriente


 


India, Pakistan, Himalaya, Nepal, Tibet, Sri Lanka, Mongolia


In una “pagina” dedicata alla civiltà indiana, definire l’India da un punto di vista geografico è indispensabile. L’India antica è più vasta dello Stato che oggi conosciamo con questo nome.
I confini con la civiltà indiana coincidono con le sue barriere naturali: a nord/nord ovest la catena dell’Himalaya e la sua estrema propaggine occidentale, l’Hindukush (in Afghanistan); a sud di questo il deserto di Baluchistan; e naturalmente i mari, che lambiscono la sua immensa parte peninsulare: l’Oceano Indiano a est, il Mare Arabico a ovest. E per questa ragione che, sebbene meno evocativa, l’espressione “Subcontinente Indiano”, di matrice geografica, appare a molti preferibile anche in ambito storico-culturale, soprattutto in riferimento al periodo precoloniale.

L’odierna carta geopolitica del Subcontinente indiano è stata disegnata a partire dal 1947, anno della traumatica partizione dell’India britannica; da questo ebbero origine l’Unione Indiana, per intenderci, lo Stato che ha per capitale New Delhi, e il Pakistan, a sua volta separato in due tronconi: occidentale (equivalente al Pakistan odierno) e orientale (oggi Bangladesh, indipendente dal 1971). Questa precisazione non è mera pedanderia se teniamo conto che l’odierno territorio pakistano fu la culla di alcuni tra i più brillanti fenomeni culturali. Anche a uno sguardo superficiale alle pagine di Altheo NetTv, apparirà evidente il ruolo preponderante, quasi invadente, che la religione, il mito e la filosofia reclamano in un quadro pur sintetico delle tradizioni culturali del Subcontinente.

Se questa è una nozione familiare a molti, un aspetto che potrebbe sorprendere non pochi lettori è che, nonostante il senso del sacro abbia costantemente impregnato la visione del mondo e delle cose, lo sviluppo del ragionamento scientifico raggiunse in India vette altissime e in diverse branche del sapere: l’astronomia, la medicina, la grammatica e altre scienze. La storia, al contrario, sembra recedere in secondo piano: nel corso dei millenni, l’India ha mostrato una debole vocazione storiografica; da qui la possibile oscillazione delle cronologie, e l’immagine sfuggente che ancora abbiamo di singoli sovrani o di intere dinastie. Infine, una nota sull’ortografia.
Per la resa dei termini sanscriti e di altre lingue indiane, antiche o moderne, si è scelto di sacrificare il rigore della traslitterazione scientifica a favore della massima semplificazione: nomi personali, toponimi, opere letterarie e altri termini sono traslitterati nella maniera che dia al lettore non esperto un’idea della pronuncia quanto più possibile vicina a quella reale.

India


Informazioni per il tuo viaggio in India – Spirito Libero lo zaino racconta

Namastè – New Delhi – I Viaggi del Cuore di Patrizia e Gabriele

Namastè – Agrà – I Viaggi del Cuore di Patrizia e Gabriele

Namastè – Jaipur la città rosa – I Viaggi del Cuore di Patrizia e Gabriele

I colori dell’India: Holi Festival – Spirito Libero lo zaino racconta

India – Ellora – Spirito Libero lo zaino racconta

India – Yoga – Religione e Filosofia – Spirito Libero lo zaino racconta


Nepal


Nepal – viaggio ai confini del mondo – Spirito Libero lo zaino racconta


Sri Lanka


Sri Lanka la lacrima dell’India – Spirito Libero lo zaino racconta

Travelling around Sri Lanka – Around the World di Carlotta Giusti e Daniele Lemmi


Mongolia


Mongolrally 2019 – Les Routes di Bruno Riccardi